Info WAC 31-2019: Corsi specialità e Nitrox; un mare da salvare.

Risultato immagini per nitrox

CORSI NITROX E SPECIALITA’ PSS

Volete crescere nelle Vostre esperienze subacquee?

Stiamo per iniziare un corso Nitrox, una miscela gassosa composta da azoto (N2) e ossigeno (O2) in proporzioni variabili, normalmente iperossica con quantità  di ossigeno superiore al 21%.

I vantaggi sono tantissimi:

SICUREZZA - L’azoto nelle miscele nitrox ha una percentuale minore del 79%, infatti le miscele convenzionali si attestano tra il 68% e il 64%. Respirando nitrox invece di aria, la curva di sicurezza aumenta in modo significativo

PASSARE PIU’ TEMPO SOTT’ ACQUA - Possiamo piu’ tempo sott’acqua nelle nostre immersioni. Già a 20 metri, utilizzando questa miscela aumentano i tempi d’immersione sino a 1 ora e 15 minuti. Praticamente i tempi d’immersione possono essere quasi raddoppiati.

CORSO SEMPLICE, VELOCE E DIVERTENTE La formazione per l’utilizzo di queste miscele è semplice e veloce. La lezione teorica - dove si apprende come analizzare la percentuale d’ossigeno,  calcolare le profondità massime d’immersione e ad identificare e controllare la bombola da utilizzare, oltre a ricevere informazioni sui rischi e i limiti del nitrox. Lezione pratica in mare -  due immersioni, dove il subacqueo prenderà coscienze soprattutto della profondità massima da non oltrepassare, imparando a stabilizzarsi e non incorrere nel pericolo di iperossia, ovvero il rischio di intossicare l’organismo d’ossigeno.

NESSUN TIPO DI MATERIALE SPECIFICO - Nessuna nuova attrezzatura, nessun maxi carico di bombole, utilizzerete le vostre attrezzature, vale a dire: vostro erogatore, vostre mute e il vostro solito ed affidabile computer.

IDEALE PER CROCIERE O VIAGGI SUBACQUEI - Se partite per una crociera o un viaggio subacqueo, il nitrox è l’ideale. Se si accumula meno azoto nel corpo, sarete naturalmente meno affaticati e potrete anche approfittare al meglio delle vostre vacanze. Fa tanto anche l’aspetto psicologico, che ci permetterà di restare piu’ tranquilli e piu’ rilassati anche in acqua. L’importante è rimanere sotto la curva di sicurezza.

Non fatevi sfuggire l’occasione visto l’imminente viaggio a Sharm el Sheikh, Vi aspettiamo.

 

gruppo drone 1.jpg

 UN MARE DA SALVARE

Domenica scorsa, 29 settembre, si è svolta la giornata “Un mare da salvare” sulla scia della manifestazione che avevamo precedentemente fatto con la Guardia Costiera, “Plastic Free”.

Ringrazio tutti i partecipanti che si sono impegnati nella pulizia di un piccolo tratto di spiaggia di Pescara Portanuova, ma proprio questo ci ha preoccupato, in quanto nella distanza di circa 1500 metri abbiamo riempito un Big Bag di un metro cubo di grandezza. Abbiamo raccolto di tutto ma a colpirci maggiormente sono stati i giochi abbandonati sulla spiaggia dopo la stagione estiva, centinaia di palette e secchielli, materassini, monopattini e persino un passeggino. È inspiegabile che un genitore “moderno” abbandoni tanta plastica proprio sul percorso della vita dei propri figli. Un’altra tipologia di plastica inaspettata è quella proveniente dalle coperture delle cosiddette “palme”, filamenti sintetici, leggeri, facilmente trasportabili dal vento, difficili da raccogliere, insomma un vero flagello, ma le palme non erano fatte con le foglie dell’omonima pianta?

Prossimo appuntamento, dove agiremo anche in acqua, è per maggio 2020, faremo una grande manifestazione.

Rimanete sintonizzati

WORD ACTIVITY CLUB